Smaltimento toner e cartucce esauste

Tutte le aziende e i liberi professionisti devono occuparsi personalmente dello smaltimento toner e delle cartucce esauste che producono stampando. Pensi che non ti debba interessare?

Smaltimento toner online

Scopri di più sullo smaltimento toner e cartucce esauste

Molte organizzazioni sono convinte che la gestione dei rifiuti prodotti dalle loro attività non sia un obbligo oppure che i rifiuti  speciali possano essere trattati allo stesso modo dei rifiuti urbani. Questa è una convinzione sbagliata, ecco perchè:

I rifiuti professionali vengono gestiti in modo differente da quelli urbani

Le aziende, gli studi professionali, e gli Enti pubblici (in buona sostanza tutte le utenze professionali) non possono gestire i propri rifiuti allo stesso modo dei cittadini ma li devono affidare ad operatori specializzati (TUA Art. 184-188).
Queste categorie di rifiuti si definiscono “speciali” (o a volte anche “professionali”) e a loro volta sono poi suddivisi in “pericolosi” e “non pericolosi”, che devono essere gestiti in modo molto più complesso.

Tutti i rifiuti sono catalogati con un codice chiamato CER che, per i pericolosi, termina con un asterisco *.

Nella fattispecie i consumabili da stampa possono avere sia una versione “non-pericolosa” che una pericolosa e quindi, con il loro doppio CER, da questo stretto punto di vista sono tra i più complessi da gestire.

CHI è IL PRODUTTORE DEL TONER ESAUSTO

L’art. 183 del TUA chiarisce che si intende come “produttore” del rifiuto il “soggetto giuridico che lo genera con la propria attività”. Nel caso specifico dei consumabili esausti di stampa  questo chiarisce molto bene che, dal punto di vista della generazione delle cartucce esauste non fa alcuna differenza se le periferiche sono “a noleggio” o “acquistate” poiché in entrambi i casi “l’attività della stampa” è comunque di pertinenza del Cliente.

LE ATTIVITà NECESSARIE PER LA GESTIONE CORRETTA DEI RIFIUTI PROFESSIONALI

Ciascun produttore di rifiuti, ossia in prima istanza ciascuna organizzazione che decida di gestirli in maniera corretta è costretto ad espletare una notevole quantità di azioni delicate. Intanto è necessario accertarsi che gli operatori che si propongono per la gestione dei rifiuti abbiano tutti le dovute autorizzazioni per lo specifico incarico.


Anche solo per la semplice vendita, o meglio per la fatturazione del servizio, è richiesta una specifica autorizzazione di cui pochissimi rivenditori di informatica e prodotti d’ufficio dispongono; ma vanno anche verificate le autorizzazione per il trasporto, lo stoccaggio, la cernita, e le caratteristiche dell’impianto destinatario per il trattamento finale.


Inoltre è indispensabile accertarsi in merito alla tipologia dei propri rifiuti (pericolosi o non-pericolosi) attraverso opportune analisi di laboratorio, acquistare e gestire un registro di carico-scarico, compilare un documento (FIR) per il trasporto del quale dovrà ritornare una copia al produttore entro 90gg.;


infine, in funzione del numero dei dipendenti e della tipologia dei rifiuti prodotti, sarà indispensabile la gestione annuale del MUD presso le Camere di Commercio nonchè l’iscrizione al SISTRI.


Insomma la gestione dei rifiuti comporta un’enorme di burocrazia e, con essa, naturalmente il rischio di commettere errori.

Contattaci
Vuoi Noleggiare una Stampante ma vorresti un preventivo su misura? Hai bisogno di risolvere problemi tecnici sulla tua Stampante, Multifunzione o Fotocopiatrice? Vuoi Acquistare Cancelleria, Arredamento per ufficio o Computer?
Ti aiutiamo noi a risolvere tutti i tuoi problemi!
>